Fumo giallo

28 maggio 2008

La mia Sicilia brucia, brucia per il caldo (ieri abbiamo raggiunto i 36 gradi) e brucia soprattutto per gli incendi. Ieri l’odore acre del fumo, misto a cenere, è arrivato fino al mare. Per la prima volta in vita mia ho toccato con mano un incendio!

Le colline del messinese e del palermitano si sono riempite di roghi che, alimentati dal forte vento di scirocco, si sono propagati con grande facilità.

Boschi e macchia mediterranea in fiamme. Uliveti e vigneti in fiamme. Alberi ed erbe in fiamme. Il mio cuore in fiamme.

Rabbia, sgomento, fumo.

Fumo denso, fumo giallo.

Annunci

Cartolina dall’Islanda

23 febbraio 2008

Dopo l’entusiasmo iniziale, comincio a sentire nostalgia del mio mare e del clima mite e temperato che contraddistingue la mia isola. Io che già a maggio inauguro la mia personale stagione balneare, facendo il primo bagno in acque che sono sì freddine ma accessibili anche ad una ragazza freddolosa, ma temeraria!
Quindi presto sarò di ritorno dall’Islanda (preparatevi ad una accoglienza calorosa nel senso letterale del termine!), dove ho conosciuto gente accogliente e simpatica, che ha risposto divertita alla nostra “ítalska innrásin”. In tal senso il mio ringraziamento va in particolare a Stjáni, che sarà benvenuto in Sicilia quando lo vorrà.
Sicilia aspettami, sto tornando!

PS: ho provato a fare il bagno, ma come vedete è a dir poco proibitivo!

iceland-08.jpg
foto tratta da qui


Bisogna che tutto cambi

16 febbraio 2008

Al telefono con Andrea, due chiacchiere del più e del meno…
Si parla di amici comuni, che sono andati via o sono in procinto di farlo, per studio o lavoro.
Si arriva alla conclusione che chi è partito ha fatto bene. Qui è tutto uguale a ieri, e a domani.
Non ci sono sbocchi occupazionali per i giovani, e se non c’è lavoro non c’è futuro.
Concludiamo rassicurandoci a vicenda: “Chissà, magari le cose cambieranno, magari i nostri figli vivranno una realtà diversa. Magari…”

Mi salta in mente la celebre frase di Tancredi, che ha deciso di combattere a fianco delle truppe garibaldine e comunica con queste parole la propria risoluzione a Don Fabrizio: “Se vogliamo che tutto rimanga com’è, bisogna che tutto cambi”.
Frase paradossale che delinea, nell’ideologia di Tomasi di Lampedusa, la situazione storica della Sicilia del 1860. Frase di una attualità disarmante, che si può applicare benissimo alla situazione italiana in genere, sia politica sia sociale.
L’immobilismo della Sicilia di un tempo non è forse quello dell’Italia di oggi, in cui tutto cambia per rimanere così com’è?

Basta. Sono stanca. Sono stanca dei soliti discorsi. Delle polemiche fini a se stesse e pretestuose. Occorrono fatti, non parole.
Ma non ho la forza di lottare, almeno non oggi.
E quando si smette di lottare, si smette anche di sognare.


Tropico del cuore – Kaballà

15 dicembre 2007

Questa canzone di Kaballà è tratta dall’album “Lettere dal fondo del mare”.

La voglio dedicare a te come prima parte del mio regalo…
… la seconda per problemi contingenti deve ancora arrivare 😉

Ti ho cercata nelle notti alle porte di Orione
nei mattini che sanno di fumo e carbone,
ho seguito le tue tracce sulle vie di Damasco
sono sceso nei gironi dell’Inferno dantesco,
ti ho invocata in cattedrali alte come montagne
in bestemmie preghiere incomprensibili lingue,
fra Scilla e Cariddi eri bianca sirena
capovolto riflesso di fata morgana.

Ai cancelli dell’Amore
so che prima o poi arriverai

Ti ho cercata nelle crepe del muro del pianto
nel profumo dei fiori più rari del mondo,
nella curva di luna ho toccato il tuo fianco
catturai i tuoi sospiri nella rete del vento.

Ai cancelli dell’Amore
so che prima o poi arriverai.

Io ti aspetterò.
Sto volando al tropico del cuore
insieme a te…

Ti ho cercata nel colore di tutti i colori
nelle tele di Renoir eri già uscita fuori,
fra tesori sommersi dentro anfore greche
labirinti di luna e rovine più antiche.
Un giorno d’aprile nei giardini d’alhambra
provai ad afferrarti ma strappai la tua ombra.
Garcia Lorca passò alle cinque di sera
ricompose i tuoi pezzi e ne fece preghiera.

Ai cancelli dell’Amore
so che prima o poi arriverai.

Ti ho cercata consumando ogni mio cannocchiale
ho bruciato i miei occhi nell’incendio del sole,
l’anello di Saturno voglio andare a staccare
per portartelo in dono come fede nuziale.

Ai cancelli dell’Amore
so che prima o poi tu busserai. Io ti aspetterò.

Sto volando al tropico del cuore
insieme a te…


Sutta lu mari – Kaballà

10 ottobre 2007

Sutta lu suli, russu di focu,
figghiu d’Ulissi canti lu grecu.
Veni la sira, s’astuta u focu
figghiu d’Omeru studi lu grecu.

Sutta lu mari c’è l’amuri
menza fimmina e menza pisci,
beatu all’omu che c’arrinesci.

Du cielu cantu ammaliaturi
comu lu ventu smovi lu mari.
Quantu stupuri quannu vinisti
e fu d’amuri ca ti pirdisti.

Supra lu mari c’è l’amuri
menza fimmina e menza dea,
e l’ancantasti cu la poesia.

Vintunu iorni fu lu so sposu,
vintunu notti senza riposu.
Vuci luntani iornu di festa
amuri persu tra la tempesta.

Sutta lu mari c’è l’amuri
menza fimmina e menza pisci,
beatu all’omu che c’arrinesci.

Sutta lu mari c’è l’amuri
menza fimmina e menza dea,
e l’ancantasti cu la poesia.

Passa lu tempu, resta l’amuri,
parti la navi du profissuri.
Sona lu mari, canta Lighea
e si lu porta tra la marea.

Sutta lu mari c’è l’amuri
menza fimmina e menza dea,
e l’ancantasti cu la poesia.

Sutta lu mari c’è l’amuri
menza fimmina e menza pisci,
eternu è l’omu che c’arrinesci…

tramonto-tono-021.jpg


Petra lavica – Kaballà

25 settembre 2007

[dailymotIon id=2cd8w0c0QFQNBbDU2] 

Di stu paisi cu li petri niuri
chi troppi voti mi n’ ass’ a scappari
ma quandu spunta u suli ‘ntra lu mari
vogghiu turnari.

I picciriddi iocanu ‘nta strada,
sulu la fami li fa arritirari,
arrusti e mangia che ti possu dari,
si vo’ mangiari.

Ma ‘stu strittu è troppu longu,
non si può chiù attravirsari,
cu lu punti di la petra lavica…
Terra antica, terra niura,
focu russu ‘ntra lu mari,
arrifriscu di la petra lavica.

Di stu paisi cu li ficurinia,
ahi quanti spini c’à dintra li mani,
e sangu ca s’ammisca cu lu meli,
di lu me cori.

I piscaturi iettanu la riti,
e la carina non ci fa mai mali,
supra lampari chi parianu stiddi,
di lu mari.

Ma stu strittu è troppu longu,
non si può chiù attravirsari,
cu lu ponti di la petra lavica…
Terra antica, terra niura,
focu russu ‘ntra lu mari,
arrifriscu di la petra lavica.


Fantasia di isole

8 settembre 2007

fantasia-di-isole.jpg